Un Natale campano doc “impone” i Mostaccioli

Zia Sisina è una maestra dei Mostaccioli (o Mustacciuoli, alla napoletana), rombi al cioccolato glassato con interno morbido dal sentore agrumato.

Tanto per cominciare, impastare farina (350 g), vaniglia (un pizzico), cannella (15 g), noce moscata (15 g), lievito (5 g), miele e scorzetta di limone (o canditi). Dopo circa 15 minuti di “riposo”, l’impasto va spianato e poi ritagliato in rombi; inumidirli con un po’ d’acqua e poi infornare per 20 minuti.

La glassa, intanto, si ottiene mescolando acqua, zucchero e cacao in un pentolino, fino all’addensamento. Prima di versarla sui mostaccioli, questi vanno spennellati con uno sciroppo a base di marmellata di albicocche, acqua e zucchero. Forno a temperature bassissime per “fissare” la glassa e servire.

Incerta l’origine del nome: il latino mustaceus farebbe riferimento alla “focaccia delle nozze”, ma a sua volta potrebbe derivare da mostum (il mosto anticamente utilizzato nella ricetta), mentre alcuni associano a “mustace”, una specie di alloro con cui veniva avvolta la focaccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *