L’influenza si previene a tavola

Durante il periodo invernale si è maggiormente esposti a raffreddori ed influenze. Proprio in questi giorni è previsto il picco di malattie virali da raffreddamento. Prevenire il contagio e rafforzare le proprie difese immunitarie si può, seguendo semplici regole a tavola e nella pratica quotidiana. Vediamo quali sono le vitamine e minerali più utili per scongiurare i malanni stagionali. Innanzitutto rispettare l’assunzione quotidiana di 5 porzioni al giorno di frutta e verdura fresca e colorata, rigorosamente di stagione, rappresenta l’ABC di una sana alimentazione che aiuti a combattere le infezioni.

Inoltre, assumere in questo periodo dell’anno ogni giorno buone fonti di vitamina C, la vitamina per eccellenza in grado di contrastare i sintomi influenzali e le infezioni virali, aiuta a potenziare il nostro sistema immunitario. Cibi invernali che ne sono ricchi sono: gli agrumi (limoni, arance, mandarini, pompelmi) ma anche kiwi, melograni, lattuga, cavoli di Bruxelles, spinaci crudi, peperoncini piccanti, prezzemolo. Essendo però la vitamina C facilmente deperibile e sensibile alla luce, è bene assumere le spremute di agrumi o centrifugati appena fatte. Inoltre, siccome la vitamina C è termolabile, cioè si degrada in seguito alle alte temperature, è preferibile non effettuare cotture prolungate e ad alte temperature.

La vitamina C consente anche di aumentare l’assorbimento da parte del nostro organismo di ferro, altro minerale che favorisce la produzione di anticorpi da parte delle nostre cellule immunitarie. Dunque una pratica utile a tavola è l’aggiunta di una spremuta di limone sulla verdura. Lo zinco è un altro minerale in grado di ridurre la durata dei sintomi influenzali; esso è presente, oltre che nella carne e nel pesce, anche nei legumi e cereali integrali. La vitamina A (contenuta in carote, zucca, broccoli, melone, peperoncino rosso) stimola la produzione delle cellule immunitarie che combattono il virus influenzale.

Altra vitamina fondamentale per rafforzare il nostro sistema immunitario è la vitamina D, presente seppur in piccole quantità nel pesce (salmone, tonno) nel latte e nei formaggi. La vitamina D si attiva con l’esposizione della nostra pelle alla luce solare, dunque approfittare delle belle giornate di sole invernali per fare una passeggiata all’aperto è un toccasana per la nostra salute. Bevande calde come tè, tisane e brodi esercitano un’azione vasodilatatrice e portano sollievo alle vie aeree superiori irritate, poiché aiutano a fluidificare il muco. Inoltre le catechine, contenute nel tè verde, forniscono un carico di antiossidanti efficace contro lo stress ossidativo.

Da non trascurare è il rinforzo delle difese a livello intestinale con l’utilizzo di probiotici che vanno a potenziare l’esercito di batteri alleati sulla barriera intestinale, e con alimenti ricchi di fibre, come carciofi e porri, che sono il nutrimento della flora batterica intestinale. Ricordiamo infatti che se il nostro intestino non funziona bene, i nutrienti non sono ben assorbiti, le difese immunitarie si abbassano ed andiamo più facilmente incontro ad influenze. I suddetti minerali e vitamine aiutano anche durante il periodo influenzale per scongiurare le complicanze e per accelerare i tempi di guarigione.

Infine, ricordiamo le misure efficaci nella pratica quotidiana per evitare il contagio: areare più volte al giorno gli ambienti chiusi per favorire il ricambio di aria, poiché il ristagno favorisce la proliferazione batterica. Un ambiente troppo secco favorisce l’ingresso nelle vie aeree di germi patogeni. Evitare luoghi troppo affollati e fare attenzione agli sbalzi di temperatura. Mantenere una buona igiene del corpo lavando di frequente le mani ed evitare di indossare capi che facciano sudare.

a cura della dssa Gabriella Siciliano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti − 18 =