Due “annurche” al giorno tolgono il colesterolo di torno!

E’ recentissima la notizia secondo cui la mela annurca di indicazione geografica protetta (IGP), consumata ogni giorno nella giusta quantità, è in grado di contribuire all’abbassamento dei livelli di colesterolo cattivo. Quest’ultimo è un importante indice di rischio di sviluppare malattie cardiovascolari. Uno studio svolto presso il Dipartimento di Farmacia dell’Università Federico II di Napoli descrive l’influenza che il consumo di mele annurche ha sui livelli di colesterolo in individui moderatamente ipercolesterolemici.

I soggetti presi in considerazione (250) sono stati suddivisi in 5 gruppi, a cui venivano somministrate, rispettivamente, le seguenti varietà di mela: Red Delicious, Granny Smith, Fuji, Golden Delicious e Annurca. Rispetto agli altri gruppi, quello della mela Annurca conduceva a risultati più significativi, consentendo una riduzione nei livelli di colesterolo totale e cattivo dell’ 8.3% e del 14.5%, rispettivamente, ed un incremento del colesterolo buono del 15.2%.

Era da tempo noto che alcune sostanze dette polifenoli, contenuti nella “regina delle mele” campana, erano in grado di abbassare i livelli di colesterolo in esperimenti in vitro ma ora è arrivata la conferma che tale proprietà è attiva anche nell’uomo in seguito all’ingestione del frutto. Si conclude che la mela annurca, varietà pregiata di mela tipica delle regione Campania, può essere un valido aiuto per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

a cura della dssa Gabriella Siciliano

Approfondimenti:

Tenore GC1, Caruso D2, Buonomo G3, D’Urso E4, D’Avino M2, Campiglia P5, Marinelli L4, Novellino E4. Annurca (Malus pumila Miller cv. Annurca) apple as a functional food for the contribution to a healthy balance of plasma cholesterol levels: results of a randomized clinical trial. J Sci Food Agric. 2016 Aug 30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16 − 9 =